Valfaccenda, espressione autentica del Roero

Soggettività e territorialità si incontrano in un unico bicchiere

di Marta Pavan

La cantina Valfaccenda nasce nel 2010 a Canale in provincia di Cuneo, nel cuore del Roero. Questa zona di produzione vitivinicola ha una storia millenaria, ma solo negli ultimi anni ha preso consapevolezza. Il confronto con le Langhe è sempre stato molto pesante e, in passato, c’era da parte dei produttori, l’idea di scimmiottare il più famoso Barolo con risultati poco convincenti. I vini spesso erano pesanti con forti sentori di legno, e lontani dal territorio di origine. Nell’ultimo periodo invece c’è una presa di coscienza maggiore del proprio territorio. Non si tratta di meglio o peggio ma un territorio con caratteristiche diverse e con tutta la sua personalità. I produttori, soprattutto le nuove generazioni, stanno iniziando a nobilitare i due vitigni tipici della zona, ossia nebbiolo ed arneis, senza copiare lo stile di produzione langhino. Dal 2016 è stata introdotta nella denominazione Roero la zonizzazione, e dall’anno successivo si è iniziato a produrre anche i vini riserva.

Con queste prospettive Carolina e Luca hanno dato vita a Valfaccenda, cercando di trasmettere, attraverso i loro vini, il territorio e i suoi vitigni. L’azienda si estende su quattro ettari con una produzione annua di ventiduemila bottiglie. La loro filosofia è di cercare la soggettività in ogni vino, soprattutto per quanto riguarda i bianchi. Infatti l’arneis è ormai snaturato ed omologato poiché per circa il 30/35% va sul mercato a Natale della stessa vendemmia. Le colline di questa zona sono piccole, ripide e regalano diverse esposizioni alle vigne, inoltre sono caratterizzate dalle cosiddette “sabbie astiane” che offrono dei vini sapidi, acidi e croccanti. Una volta terminato un piccolo tour della cantina siamo passati alla degustazione dei vini, partendo dai rossi.

“Vindabeive” 2019, da uve 100% nebbiolo. Il nome significa in italiano “vino da bere”, ossia che può stare sulla tavola di casa ogni giorno. È stato prodotto per la prima volta nel 2014, dai vitigni più giovani e poveri che confinano con un bosco. La bottiglia è da un litro e la chiusura è col tappo a corona, per richiamare la tradizione contadina. La vendemmia di queste vigne inizia subito dopo quella dell’arneis, quindi due settimane prima rispetto agli altri rossi. Il tannino rimane verde, si fa una macerazione semi-carbonica di tre/quattro giorni sulle bucce con uva intera. La fermentazione è spontanea e avviene o in cemento o in acciaio. Questo vino, pronto da bere, è imbottigliato il trenta novembre dell’anno della vendemmia. Ci troviamo davanti ad un bicchiere leggero, spensierato che si fa bere ad ogni sorso.

“Valfaccenda” 2018, anche questo rosso è prodotto da nebbiolo in purezza e porta la denominazione DOCG Roero. La fermentazione è sempre spontanea ed in questo caso, la macerazione sulle bucce è di quindici/venti giorni. L’affinamento avviene per un anno in legno di rovere, in botte grande, e poi finisce con un altro anno in bottiglia. Al naso spicca l’amarena, accompagnata dalla viola e da una nota di pelle. Il tannino è soffice e morbido. Un rosso delicato e molto fine.

“Valmaggiore” 2017, rosso riserva Roero DOCG. Da nebbiolo in purezza, ma le uve provengono da una singola vigna, piantata nel 1947 a Valmaggiore. La vinificazione segue le stesse fasi del vino precedente, la differenza è il tempo di affinamento che per la riserva è di un anno in legno di rovere e due anni in bottiglia. Al naso arriva la frutta rossa con un sentore speziato di cannella e pepe nero. Il tannino è ben bilanciato, un rosso elegante e con ottima beva.  

Tutti i vini sono naturali, in vigna si pratica la viticoltura biologica e viste le pendenze delle colline la maggior parte delle lavorazioni vengono fatte a mano. Per concludere il nostro viaggio all’interno di Valfaccenda abbiamo degustato i bianchi.

“Valfaccenda” 2019, da uve 100% arneis. Al naso sentori di frutta fresca, quali mela verde e limone, spalleggiati da una nota burrosa dovuta alla fermentazione malolattica. Per questo vino le uve sono raccolte in tre momenti diversi e di queste il 30% fanno una macerazione sulle bucce di circa dieci giorni, per evitare un’estrazione troppo spinta. Freschezza e sapidità sono buone, con un buon supporto tannico.

“Loreto” 2018, bianco riserva da arneis in purezza. Molto elegante con note di fiori di sambuco, frutta bianca e gelsomino. Il nome Loreto deriva dalla sottozona, ed è frutto della vendemmia di una sola vigna. In questo caso non è stata fatta la macerazione sulle bucce e per l’affinamento in legno è stata usata l’acacia, più porosa e rilascia meno tannino rispetto al rovere. Anche questo vino ha fatto la malolattica, che conferisce più corpo. Per l’invecchiamento la riserva fa un anno in legno e uno in bottiglia. Ci troviamo di fronte ad un arneis con personalità, fresco, sapido e molto armonico.

Valfaccenda certamente è una realtà giovane, ma si sta già distinguendo per la personalità forte dei suoi vini. Per i bianchi non è volutamente messo in etichetta il nome della varietà, perché l’obiettivo è quello di trasmettere il Roero, non il vitigno.

Luca ci saluta con questa frase:

“Per noi il vino esiste come naturale conseguenza del territorio che lo accoglie, come risultato di un lavoro meditato in vigna e in cantina.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Sito web creato con WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: